Personalizza sito

Cambia colore:
  gray   blue   green   orange

Abruzzo Sociale

Mappa dei servizi e degli interventi sociali
torna su

Ricerca:
Utente / Password:

26 giugno 2015 : Giornata internazionale contro il consumo e il traffico di droga

CIPA Onlus - Centro di Informazione Prevenzione e Accoglienza di Ortona
Il 26 giugno ricorre la Giornata internazionale contro il consumo e il traffico di droga, indetta per la prima volta nel 1987 dall'Assemblea Generale delle Nazioni Unite per ricordare l'obiettivo comune a tutti gli Stati membri di creare una comunità internazionale libera dalle droghe.

Questa associazione, impegnata da 30 anni nel settore delle dipendenze patologiche, vuole invitare i lettori ad un momento di riflessione su questo tema, indicando alcuni dati che non sono certamente esaustivi ma che, spero, possano aiutare a comprendere meglio un problema che è sempre più sottovalutato.

[...]

In Italia i consumi delle droghe sono sempre più ricreativi e utilitaristici, cioè non comprendono necessariamente, come avveniva alcuni anni fa, la devianza o la scelta di uno stile di vita. La Relazione annuale al Parlamento sulle tossicodipendenze 2014 evidenzia che il consumo di droghe cresce soprattutto tra i giovani, in special modo quello di cannabis (fascia di età 15-19 anni: il 24% nel 2014 contro il 21,60 nel 2013). Invece il consumo di cocaina è diminuito ed è rimasto stabile quello di eroina, stimolanti e allucinogeni. Un discorso a parte è quello relativo alle cosiddette ?droghe legali?: l?alcol e il Gioco d?Azzardo i cui dati sono allarmanti, in particolare per quanto riguarda i giovani.

La cornice intorno a questo quadro di dati è scoraggiante: i media si interessano marginalmente del consumo di droghe; la politica, a livello nazionale e locale, è quasi del tutto assente e il dibattito si accende solo di fronte a qualche notizia in grado di suscitare clamore come, per esempio, la recentissima - e a mio avviso scellerata perché non risolve ma aggrava il problema - proposta di legalizzare la cannabis da parte di un gruppo di circa 200 parlamentari italiani, appartenenti trasversalmente a diversi partiti; la società mostra una certa assuefazione al fenomeno e, ormai, sembra conviverci. Ma solo con il coinvolgimento di tutti, ciascuno per la sua parte, si può pensare di mettere in atto valide strategie educative e preventive che ci aiutino a dare un senso concreto a questa Giornata.

Il testo integrale del comunicato stampa è disponibile in allegato.
allegati
Comunicato stampa Visualizza il file nel browser Scarica il file
torna su